Faccio il volontario perché...

Hai voglia di fare un'esperenza di volontariato? Alessandro Nobili, storico volontario di ASAI, racconta i suoi tanti "perché".
 
Un giorno un ragazzo, durante il doposcuola, mi ha chiesto: “Perché fai il volontario?”.
Gli ho detto che per me la differenza sostanziale fra un lavoro stipendiato e uno volontario è che il primo, purtroppo, potrebbe anche non piacerti, mentre quello volontario ti piace sempre.
 
A questo punto ho incominciato un lungo elenco.
 
Nobili4
 
Faccio il volontario perché:
• voglio sentirmi ancora attivo, partecipe di un gruppo, utile, protagonista;
• mi fa piacere donare il mio tempo. In una società in cui tutto si può comprare, mi sembra che i doni del tempo, della presenza e dell’ascolto siano importanti;
• mi sento migliore e questo “solletica” la mia autostima;
• mantengo in esercizio quei quattro neuroni che mi restano;
• ti passo qualche nozione che ti permetta di superare l’esame;
• mi illudo di aver elaborato con il tempo qualche concetto che mi piacerebbe condividere con te;
• vorrei trasmetterti qualche valore in cui credo: curiosità, impegno, solidarietà, intercultura, libertà di essere te stesso;
• tu hai tante cose da insegnarmi e io desidero impararle;
• stare con i giovani mi fa sentire più giovane e riaccende in me l’entusiasmo, la gioia di vivere, la spontaneità. 
Tutto questo è vero ma c’è molto, molto di più: uno sguardo, un sorriso, un momento di confi denza e di condivisione, un racconto di te.
 
Quel ragazzo mi ha detto: “Sei come un mio secondo padre”. Chiamale, se vuoi, emozioni, direbbe Lucio Battisti. Mi ha dato un colpetto sulla spalla, in quel momento ho capito che non mi percepiva più solo come un insegnante, ma come un amico: era nata una relazione.

Ecco perché faccio il volontario.
 
 

Costruire comunità nell'emergenza sanitaria

  La recente emergenza sanitaria ha sconvolto i nostri giorni e il modo tradizionale di fare animazione. Che cosa è successo al lavoro educativo ...

Read more

"Fuoriclasse" per ritrovarsi dentro le relazioni

  Da ormai tre anni, ASAI lavora nell’ambito del Progetto nazionale per l’Inclusione e l’Integrazione dei bambini Rom Sinti e Caminant...

Read more

Finestre nuove, problemi vecchi

    Durante l'emergenza sanitaria, il Progetto nazionale per l'inclusione e l'integrazione dei bambini rom, sinti e caminanti è continuato ...

Read more

Caro Lancini, ti scriviamo per dirti che...

  Lo psicoterapeuta Matteo Lancini scrive una lettera aperta agli adolescenti durante il lockdown. Gli adolescenti, i volontari e gli operatori di ASAI ...

Read more

Nessuno resti indietro! Il tuo 5x1000 ad ASAI

L'emergenza sanitaria ci ha messo davanti a nuovi bisogni e a nuovi orizzonti. Prioritaria, per ASAI, l'attenzione a tutti i bambini, agli adolescenti e alle ...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

InstagramFacebook Logo

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Clicca su "CHIUDI" per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie.