Che cosa ne pensano i giovani?

1 g copia
 
Che cosa ne pensano i giovani? Gli adulti se lo chiedono spesso: che cosa pensano i ragazzi e le ragazze, spesso protagonisti della cronaca, di tutto quello che accade, di tutto ciò che si sente e si vede? E qual è il loro ruolo nella lotta contro la recente pandemia?
 
In occasione di un incontro tra gli adolescenti che frequentano i doposcuola ASAI di San Salvario e Barriera di Milano, gli educatori hanno proposto alcuni post e commenti “sui giovani d’oggi” presi dai social e scritti da adulti. Da questo primo spunto sono nate riflessioni e opinioni: ecco che cosa ne pensano i giovani! I tirocinanti Filippo e Giorgia hanno raccolto i loro pensieri.
 
«Una premessa: la difficoltà dell’attuale emergenza non è relativa solo alla questione della gestione economica e del monitoraggio dei contagi, ma anche a un cambio netto nella quotidianità, che ha messo l’accento ancora una volta sul significato del termine “benessere”, sulla possibilità di stare bene, sulle libertà che davamo per scontate e che si sono rivelate fragili.
 
Dice Maram (nome di fantasia): “Mai ci saremmo aspettati di dover affrontare lunghe notti di studio, cuori infranti, incomprensioni con i genitori per un stasera non esci. Non eravamo preparati a fronteggiare una pandemia mondiale e, da quando il virus si è insinuato nelle nostre vite, la nostra quotidianità, fatta di musica nelle cuffie alla fermata della metro, uscite con gli amici dopo la scuola e lezioni scandite dal tanto atteso suono della campanella, è cambiata all'improvviso. Così ci siamo dotati di determinazione per affrontare al meglio la situazione, che non ha risparmiato momenti di sconforto e dolore: viviamo con un perenne senso di incertezza e con tante ferite”.
 
4 g copia
 
Alza la mano Adam: “I social, il computer e lo smartphone sono utili alle relazioni umane ma anche e soprattutto alla nostra istruzione. La DAD non è semplice, ho sempre il dubbio di avere il computer scarico, o di non avere la connessione. Le lezioni si svolgono davanti allo schermo: provo a restare concentrato per non perdere nessuna slide del prof, a volte cerco lo sguardo del mio compagno di banco e ci scappa da ridere, anche se non possiamo”.
 
Come sappiamo, la didattica a distanza è un cambiamento radicale per gli studenti: accanto alle potenzialità del mezzo, ha evidenziato la diseguaglianza dell’accesso all’apprendimento, l’assenza di relazioni in presenza, la difficoltà nel mantenere l’attenzione. Per gli adolescenti è difficile rinunciare a momenti aggregativi, eppure dichiarano che anche loro stanno facendo la loro parte. Secondo Gabriele “non poter svolgere allenamenti sportivi di gruppo, uscire per andare al parco o al cinema, sono solo alcuni dei piccoli e grandi sacrifici che abbiamo fatto e continuiamo a fare. Sarebbe utile organizzare conferenza e lezioni all'aperto, o visite a piccoli gruppi in teatri e musei, oppure avere mezzi di trasporto dedicati agli studenti.”
 
L’impegno di ciascuno è riconosciuto come fondamentale, in quanto il periodo richiede la partecipazione di tutti, adulti e adolescenti, istituzioni e famiglie. In questi mesi i ragazzi si sono sentiti spesso “accusati” di non avere compreso la complessità della situazione. Dalla discussione, invece, è emersa la consapevolezza delle proprie responsabilità, nonostante il grande sforzo richiesto. “Noi adolescenti speriamo di tornare presto alla normalità”, dice Anita, “che, comunque, sarà una normalità nuova, tutta da inventare”.»
 
A cura di Giorgia e Filippo, tirocinanti, e delle ragazze e dei ragazzi dei doposcuola superiori di Barriera e San Salvario
 
3 g copia
 
 

"Pronta a cambiare", l'inedito di Zero Sinner

  "Fabio, Maria! Stamattina ho finito di scrivere un brano... Posso mandarvelo su WhatsApp così mi dite cosa ne pensate?" "Certo Matte, manda pu...

Read more

Elementari ON AIR!

  “Saremo in radio? Davvero? Tutti potranno ascoltarmi?”   A parlare è l'entusiasmo di N., una bimba di quinta elementare che ...

Read more

Ascolta Radiolinea4, la voce della città!

  Lungo i binari che attraversano la città scorre una web radio comunitaria fatta di persone: Radiolinea4. Collegati al sito www.radiolinea4...

Read more

Che cosa ne pensano i giovani?

  Che cosa ne pensano i giovani? Gli adulti se lo chiedono spesso: che cosa pensano i ragazzi e le ragazze, spesso protagonisti della cronaca, di t...

Read more

Formazione 2021 per assistenti familiari

  Tante lezioni online sulla cura dell'anziano rivolte alle assistenti familiari e a tutti gli interessati, a cura dello Sportello Lavoro di ASAI. &nbs...

Read more

Le belle storie viaggiano su URBAN ENGAGEMENT

Per ripartire, mettiamo in moto la solidarietà e facciamo viaggiare le belle storie!   ...

Read more

La lotteria ASAI... ti mette le ruote!

  Torna la lotteria ASAI! Quest'anno ti mettiamo le ruote: in palio un monopattino elettrico e una splendida bicicletta.   ...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

InstagramFacebook Logo

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Clicca su "CHIUDI" per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie.