Conoscere Barriera per abitarla meglio

Barriera1
 
Abitare in un quartiere non è un criterio sufficiente per conoscerlo.
 
I ragazzi e le ragazze del doposcuola di Via Baltea 3 mappano Barriera di Milano per conoscere meglio il loro quartiere e per esplorarlo attraverso uscite settimanali che mirano a "entrare dentro i luoghi" con l'obiettivo di soffermarsi, osservare, imparare, raccontare. 
 
Lavorare con i ragazzi sul concetto di spazio non è un’impresa semplice. Il concetto appare a prima vista banale ma, una volta liberato il campo da molte semplificazioni, il tema emerge in tutta la sua complessità, tanto da diventare una vera e propria sfida che, riletta nella calma di questi giorni di pausa dovuta all'emergenza sanitaria, sembra quasi dialogare con il testo "Specie di Spazi" di Georges Perec (1936-1982), edito da Bollati Boringhieri nel 1989. 
 
"Viviamo nello spazio, in questi spazi, in queste città, in queste campagne, in questi corridoi, in questi giardini. Ci sembra evidente. Forse dovrebbe essere effettivamente evidente. Ma non è evidente e non è scontato." (Perec, p. 11)
 
Non è quindi scontato che, messi i ragazzi di fronte a un foglio bianco con la richiesta di rappresentare il proprio quartiere, le loro facce restino spiazzate. E i risultati spiazzino noi. C’è chi si limita a una linea con tre punti (“casa mia, la mia scuola, via Baltea”), chi unisce in una mappa luoghi distantissimi fra loro e chi, armato di righello e squadretta, cerca di rappresentare nel modo più realistico possibile la fitta rete di strade, rendendosi conto, ad un certo punto che “un foglio solo non basta per farci stare dentro Barriera”.

"Vorrei che esistessero luoghi stabili, immobili, intangibili, mai toccati e quasi intoccabili, immutabili, radicati; luoghi che sarebbero punti di riferimento e di partenza [...] Tali luoghi non esistono, ed è perché non esistono che lo spazio diventa problematico, cessa di essere evidenza, cessa di essere incorporato, cessa di essere appropriato. Lo spazio è un dubbio: devo continuamente individuarlo, designarlo. Non è mai mio, mai mi viene dato, devo conquistarlo." (p. 110)

I dubbi emergono nel momento in cui dal lavoro individuale si passa al confronto collettivo: esistono dei criteri oggettivi per definire uno spazio sul quartiere? Quali possono non esserlo? Certo “un parco è un parco per tutti” e “siamo d’accordo che in Barriera ci sono tanti supermercati”, ma che dire dei ‘luoghi pericolosi’ o dei ‘punti di ritrovo per i giovani’? Quel giardinetto sotto casa, dove per molti ci sono gli spacciatori ed è meglio non andare la sera, è per altri totalmente sicuro; quella strada buia nella quale qualcuno non vuole passare è proprio dove si trova la casa di un’altra persona.
 
Barriera2
 
E allora bisogna esplorarli, questi spazi. Quello che ci dicono i ragazzi e le ragazze è che abitare in un quartiere non è un criterio sufficiente per conoscerlo. Organizziamo quindi delle micro-uscite settimanali, dopo aver delimitato quegli spazi che conosciamo meno, ma che abbiamo voglia di conoscere perché fanno parte di quel pezzo di città che viviamo quotidianamente, che attraversiamo senza soffermarci. Visto che le uscite sono ancora in corso, non è semplice prevedere quello che emergerà, perché "gli spazi si sono moltiplicati, spezzettati, diversificati. Ce ne sono oggi di ogni misura e ogni specie, per ogni uso e ogni funzione." (p. 12)
 
Di fronte ad una simile apparente confusione di spazi, Perec riassume il rapporto che le persone intrattengono con quest’ultimi in una semplice frase, quasi un aforisma: "Vivere è passare da uno spazio all’altro, cercando il più possibile di non farsi troppo male" (p. 12). Forse è così, eppure gli spazi sono anche fatti persone che li abitano e che, insieme, contribuiscono a creare una memoria collettiva di esperienze, vissuti e storie. Questo, in fondo, è l’obiettivo del nostro lavoro: riflettere sullo spazio per dare un significato agli ambienti che attraversiamo. Perché il ‘non farsi troppo male’ di Perec possa trasformarsi in un’occasione positiva e di crescita per il singolo, il gruppo e per la comunità.
 
 
A cura di Antonio, Francesca, Maurizio, Ingrid e Laura (equipe di via Baltea)
 
 

Restiamo #ASAIconnected! Le nostre proposte online

  Con l'emergenza coronavirus, aumenta il rischio di esclusione sociale. Ecco le nostre proposte concrete per continuare a offrire a bambini e ragazzi l...

Read more

CreAttivi! Elena propone... le cornici di cartone

  Elena Bevilacqua, volontaria del doposcuola medie ASAI di via Baltea, ci regala una serie di tutorial di creatività e manualità da pro...

Read more

Da via Baltea alla rete per restare in connessione

  Antonio Fiandaca, operatore di GIOVANI INVESTIMENTI, racconta le prime settimane di riorganizzazione in seguito all'emergenza CoVid-19 e le strategie ...

Read more

“MI IMPORTA DI TE”: ASAI AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Volontariato e lavoro sociale ai tempi del CoViD-19? Si può! In questo momento stare insieme vuole dire dedicarsi delle attenzioni reciproche e ritagli...

Read more

Obiettivi al Centro: lo sviluppo sostenibile dipende anche da noi

  I "Giovani al Centro" lavorano sull’Agenda 2030 per il raggiungimento dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile lanciati dai Governi dei 193 Paes...

Read more

Il naufragio. Un racconto semiserio!

«Siete nel mare in burrasca in pieno oceano e la vostra nave ha un’avaria, ma non preoccupatevi, avete una scialuppa per arrivare sino all’iso...

Read more

AssaiASAI? Una compagnia teatrale che cammina verso il bello

  Simone si è avvicinato alla compagnia teatrale assaiASAI al fianco di minori stranieri non accompagnati che iniziavano il loro percorso di incl...

Read more

Apriamo le porte di CASA AYLAN!

  A Piobesi (TO), abbiamo dato il benvenuto ai primi minori stranieri, grazie a un nuovo percorso di accoglienza che invita tutti a essere parte attiva ...

Read more

Che cosa CI è successo: il video di giustizia riparativa

Guarda il nuovo video che racconta RICOMINCIAMO, progetto torinese di giustizia riparativa rivolto ai minorenni autori di reato e alle loro vittime, che offre...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

InstagramFacebook Logo

ASAI newsletter

 
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali per finalità di invio newsletter ai sensi del GDPR 679/2019

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Clicca su "CHIUDI" per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie.