AssaiASAI? Una compagnia teatrale che cammina verso il bello

simo3
 
Simone si è avvicinato alla compagnia teatrale assaiASAI al fianco di minori stranieri non accompagnati che iniziavano il loro percorso di inclusione sociale.
 
Oggi è parte attiva del gruppo e ci racconta la sua esperienza: arte e relazioni per costruire insieme uno spazio di benessere dove sviluppare la creatività e il senso del bello. 
 
La vita è una specie di passeggiata: non per il fatto che sia semplice, ma perché, esattamente come quando cammini, a volte sei concentrato sulla strada, a volte parli con te stesso, altre prendi il ritmo del passo delle persone che hai accanto, altre ancora sei un po' distratto. Se una passeggiata è come la vita e la vita è un palcoscenico, possiamo dire che il teatro sia una camminata: esattamente, proprio la camminata di tutti quelli che si muovono nello spazio interpretando un ruolo.
 
Del resto a teatro uno degli esercizi irrinunciabili è proprio la camminata nello spazio che, con intenzioni e velocità diverse, ci permette di esprimere stati d'animo peculiari e differenti. E nel momento in cui arrivano le indicazioni a voce alta, ecco che le diversità si amalgamano in un unico flusso armonico, dove il singolo è al servizio del movimento collettivo.

La compagnia teatrale integrata assaiASAI mi ha raccontato anzitutto questo: che il singolo ha valore nel movimento collettivo, e il collettivo ha valore nella peculiarità del singolo. Tutto è iniziato accompagnando dei giovani migranti, diciassettenni dal passato geograficamente e culturalmente lontano, per i quali la parola Teatro deve essere suonata strana e incomprensibile. Ricordo che, all'inizio, il mio compito era quello di creare un equilibrio tra il dover spiegare ai giovani migranti (in inglese e francese) cosa stava succedendo e lasciare che i nostri corpi parlassero al posto delle parole, in un gioco di imitazione ed interpretazione che favoriva il divertimento e la messa in gioco di ognuno di noi. La voglia di ballare al centro del cerchio o cantare canzoni in lingue ai più sconosciute, vinceva sull'estraneità e sulla timidezza. E' così che, settimana dopo settimana, il teatro di assaiASAI è diventato un luogo di relazioni, nonostante qualcuno esterno al gruppo pensasse che fosse inutile che dei giovani migranti dedicassero tempo ad un’attività culturale e di piacere, dal momento che pressava l’impellenza di documenti, vitto e alloggio.
 
simo2

Casualmente, il mio ingresso in assaiASAI a fianco di minori stranieri non accompagnati è coinciso con la scrittura collettiva e la successiva messa in scena di BRICKS - Oltre i muri del web, uno spettacolo acuto e umoristico che parla di migrazioni al tempo del web: insieme ci siamo ritrovati a ragionare sulle fake news, sull’odio online e sulla comparazine delle fonti per arrivare a una informazione consapevole. Ancora non sapevamo che BRICKS avrebbe avuto lunga vita: al momento è stato replicato circa venti volte e, per un evento che coinvolge circa 50 attori, non è una cosa scontata. Lo spettacolo ci ha permesso di parlare di migrazioni a circa 7000 persone in varie regioni d'Italia (Piemonte, Lazio e Lombardia), con trasferte che sono state occasioni di divertimento ma anche di incontro con territori e comunità locali.
 
Ogni mercoledì, nella palestra di una scuola di Porta Palazzo che ospita una delle sedi dell’associazione ASAI, la compagnia è una destinazione costante, un importante punto di riferimento e non solo per i ragazzi che che accompagnavo, ma anche per me che ora ne faccio parte a tutti gli effetti. 

Dopo più di due anni la mia camminata all’interno di assaiASAI ha assunto ormai un altro passo. Da  accompagnatore sono diventato attore e infine un supporto nel lavoro di regia e di logistica, in un ruolo che sto scoprendo e che non smette di stimolarmi. Una delle particolarità del gruppo, infatti, è quella di rendere i partecipanti sempre più protagonisti di un processo relazionale e artistico che ha al suo centro la condivisione di sentimenti e pensieri finalizzati alla creazione di bellezza. Negli anni in assaiASAI sono passate tante persone che hanno portato volti, capacità, passioni, interessi, voci, sguardi. E la cosa davvero speciale è che il gruppo, nonostante la fluidità che lo caratterizza, non ha cambiato la sua anima: continua a essere spazio di camminata costante, di passi irregolari, di incontri. In poche parole... un piccolo spazio di vita, per tutti.
 
 
LE PROSSIME REPLICHE "BRICKS - OLTRE I MURI DEL WEB"
 
 
17 maggio, orario da definire. Teatro Monterosa, via Brandizzo 65, Torino, all'interno del TORINO FRINGE FESTIVAL 
 
Ottobre, data e luogo da definire, all'interno della Settimana del Lavoro 2020, "Costruire il futuro"
 
 
Articolo a cura di Simone Piani, educatore e attore della compagnia teatrale assaiASAI
 
simo1
 

"Ai bambini voglio dire: lo sport è vita!"

Mi chiamo Morena e ho scelto di intraprendere il percorso del Servizio Civile perché, essendomi iscritta a una scuola serale per conseguire il diploma...

Read more

SCUOLA ED EXTRASCUOLA: nuove sfide, nuove opportunità

    Entrando in ASAI, si resta colpiti dalle tante voci di bambini, adolescenti e adulti in relazione. In un periodo come questo, quando i corpi non...

Read more

Il volontariato durante il lockdown. L'impegno e le prospettive future

  Da una ventina di interviste a volontari di ASAI che hanno partecipato in vario modo alle attività a distanza di bambini e ragazzi durante...

Read more

Costruire comunità nell'emergenza sanitaria

  La recente emergenza sanitaria ha sconvolto i nostri giorni e il modo tradizionale di fare animazione. Che cosa è successo al lavoro educativo ...

Read more

Finestre nuove, problemi vecchi

    Durante l'emergenza sanitaria, il Progetto nazionale per l'inclusione e l'integrazione dei bambini rom, sinti e caminanti è continuato ...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

InstagramFacebook Logo

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Clicca su "CHIUDI" per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie.