Primo premio a Verona Tessile per i ragazzi di via Genè!

Le esperienze partono sempre da un'idea. Nel nostro caso, la creazione di un grande quilt (pannello di tessuti) nasce dall'immaginazione di Piera Quaglia, operatrice sociale di lunga esperienza e artista dell'ago e del filo.
 
verona2Bas
 
Ogni sforzo di immaginazione si concretizza con maggiore impegno quando all'orizzonte c'è un obiettivo da sognare e da raggiungere, come la partecipazione alla mostra internazionale Verona Tessile 2019. Per i ragazzi del doposcuola medie di via Genè, il sogno è diventato realtà: il loro quilt "Le lingue che contano" è stato esposto a Verona e ha addirittura vinto il Primo Premio come miglior quilt nella sezione "Finestre migranti"!
 
Il quilt è stato il frutto di un lungo lavoro collettivo che ha impiegato un intero anno scolastico, all'interno del laboratorio di cucito inserito nel progetto REACT contro la dispersione scolastica.
 
Durante l'anno, i ragazzi hanno progettato il pannello e hanno iniziato a realizzarlo piegando con pazienza tessuti di diversi colori, disegnando finestre con disegni e tinte differenti: le cosiddette "finestre migranti", nate da un'idea dell'artista Annamaria Brenti. Tutti questi elementi hanno costruito un'opera di 255 centimetri di lunghezza e 90 centimetri di altezza.
 
La partecipazione è stata volontaria: sei tra ragazze e ragazzi tra gli 11 e i 12 anni, provenienti da Marocco, Egitto, Bangladesh e Cina, hanno affrontato la sfida partecipando ogni settimana al laboratorio, all'interno di un atelier pieno di stoffe colorate e macchine da cucire. L'insegnante Piera Quaglia è stata affiancata dai preziosi volontari Hassan, Marilia, Tiziana e Giorgia, che hanno accompagnato i piccoli artisti nell'acquisizione di tecniche e abilità
 
verona3BAS
 
Partendo da 84 cartoncini con colori, forme e misure che avrebbero composto la base di stoffa, i ragazzi hanno ritagliato i tessuti, li hanno stirati con il ferro, hanno i fissato i bordi con le macchine da cucire, per poi rifinirli a mano. I ricami dei numeri sono stati eseguiti con punto filza, punto catenella ad ago e all'uncinetto, mentre alcune rifiniture sono state fatte con materiale termoadesivo o aggiugendo dei bottoni. La fase finale ha previsto la realizzazione dei fiori da porre agli incroci delle "finestre", ispirati dalla canzone del gruppo I Giganti intitolata Proposta - Mettete dei fiori nei vostri cannoni.
 
Piera ha saputo motivare i giovanissimi artisti, dapprima incuriosendoli e, in un secondo momento, dando al gruppo un obiettivo comune. La giornata a Verona ha coronato un percorso umano e artistico che ha avuto anche il massimo riconoscimento di una giuria di esperti del settore. La stessa Piera ha realizzato un'opera personale, di cui si vede un particolare nella seconda foto di questo articolo: la sua quilt, raffigurante il viaggio via mare dei migranti dall'Africa e dall'Asia verso l'Europa, è stata molto apprezzata dai numerosi visitatori della mostra. Per i ragazzi è stata un'esperienza gratificante e davvero straordinaria!
 
veronaBAS
 

Centri aggregativi e distanziamento fisico: insieme alla giusta distanza

  Durante l'emergenza sanitaria, il tradizionale lavoro educativo con i ragazzi delle scuole medie è stato messo in discussione da nuovi bisogni...

Read more

Tirocinio in ASAI. Come abbattere le barriere (di uno schermo)

  Valentina Villani è una studentessa dell'Università degli Studi di Torino che si è trovata ad affrontare il tirocinio proprio dur...

Read more

Sportello Lavoro in modalità virtuale

  Lo sai che le attività di orientamento dello Sportello Lavoro non sono ferme? Tutti i martedì, dalle ore 15:00 alle ore 18:00, si pu&og...

Read more

Pratiche riparative nelle scuole. Quale importanza?

Pietro e Ilaria hanno 14 anni ed entrambi non vanno più a scuola. Le loro storie sono simili a quelle di tanti ragazzi che, dopo aver commesso o s...

Read more

TUTOR di giustizia riparativa. Un'esperienza che trasforma

  I tutor del progetto One More Time accompagnano i minorenni autori di reato e le rispettive famiglie nei percorsi di riparazione. I tutor sono figure ...

Read more

Didattica L2 a distanza: da emergenza a prassi

  A un mese e mezzo dall’inizio dell’emergenza COVID-19, la didattica a distanza non può più essere considerata “emergen...

Read more

I Piccoli Esploratori continuano le loro avventure

Abbiamo voglia di guardare il cielo! Abbiamo voglia di conoscere e giocare!   I Piccoli Esploratori di San Salvario non smettono di viaggiare: ecco il ...

Read more

Quanta poesia al doposcuola elementari!

  Il doposcuola elementari di San Salvario non smette di sorprenderci con la sua creatività e il suo colore. Grazie all'impegno dei bambini, dei ...

Read more

Nessuno resti indietro! Il tuo 5x1000 ad ASAI

L'emergenza sanitaria ci ha messo davanti a nuovi bisogni e a nuovi orizzonti. Prioritaria, per ASAI, l'attenzione a tutti i bambini, agli adolescenti e alle ...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

InstagramFacebook Logo

ASAI newsletter

 
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali per finalità di invio newsletter ai sensi del GDPR 679/2019

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Clicca su "CHIUDI" per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie.