Che cosa c'entra Einstein?

Albert1
 
Da qualche tempo ASAI ha allargato la sua offerta formativa proponendo a bambini e ragazzi diversi percorsi scientifici in collaborazione con esperti del settore, come i ricercatori del Centroscienza o i giovani studenti di Fisica dell’AISF.
 
Da Porta Palazzo a Barriera di Milano fino a San Salvario, i minori dei centri aggregativi approcciano le scienze da un punto di vista pratico e teorico, entrando in contatto con l’enorme fascino di queste materie e con la ricaduta immediata nel quotidiano. L’obiettivo è quello di dare a tutti l’opportunità di sperimentare la fisica, la chimica, la biologia, superando così alcuni pregiudizi, non ultimo quello che bolla, erroneamente, le bambine e le ragazze come meno adatte a percorsi scientifici. Il risultato è incoraggiante: studentesse e studenti partecipano con entusiasmo e qualcuno rinuncia addirittura ai laboratori artistici, pur di non perdersi un esperimento.

Parlando di scienze ed educazione, tornano alla mente alcuni passi della biografia di Einstein, scritta da Walter Isaacson ed edita da Mondadori. Einstein ci sapeva fare eccome con gli esperimenti mentali, ma molto meno con quelli pratici (pare che in paio di occasioni abbia addirittura provocato un’indesiderata esplosione in laboratorio). Eppure la sua vita ci offre degli spunti utilissimi al mestiere educativo. Isaacson, biografo, per intenderci, anche di Kissinger e Franklin, va al di là dello stereotipo che vede Einstein come un uomo incapace di provare sentimenti nel lungo periodo, e che cerca rifugio nelle scienze per scappare dai propri disagi emotivi. Albert, questo sì, non era bravissimo a gestire l’affettività, soprattutto nei rapporti più intimi, però fu in grado di instaurare amicizie e relazioni che accompagnarono tutta la sua esistenza: «Era una di quelle personalità divise che sanno come proteggere, per mezzo di un’esteriorità spinosa, il regno delicato della loro intensa vita emotiva».
 
albert2
 
Da studente prima e da giovane scienziato poi, fu caratterizzato da una decisa propensione a contestare l’autorità e da scarsa riverenza per l’opinione prevalente. «Le osservazioni degli studenti dovrebbero essere accolte» diceva, «e si dovrebbe evitare che l’eccesso di impegni e nozioni soffochi l’autonomia» dei ragazzi. Il suo successo come teorico arrivò soprattutto dall’unione di due componenti fondamentali: l’immaginazione e la creatività. Fin da bambino, il piccolo Albert era in grado di isolarsi dal contesto per pensare per immagini dato che, affermò lui stesso, «l’immaginazione è più importante della conoscenza». Frequentò la scuola cantonale della cittadina di Aarau, in Svizzera, basata sulle idee del riformatore Pestalozzi, il quale credeva che gli studenti andassero incoraggiati a coltivare la «dignità interiore» e la propria personalità, grazie a un metodo educativo basato sulla libertà d’azione e sulla responsabilità individuale. Il bambino doveva raggiungere le proprie conclusioni partendo da attente osservazioni, seguite da intuizioni, pensiero concettuale e immagini visive. Non a caso, l’esperimento mentale che fece di Albert un genio scientifico, partì dal tentativo di immaginare che effetto avrebbe fatto «muoversi a cavallo di un raggio di luce».

Anche a causa del suo carattere ribelle e anticonformista, fu l’unico laureato nella sua sezione del Politecnico a non ricevere un’offerta di lavoro in ambito accademico. Ecco quindi che le sue intuizioni migliori furono partorite mentre lavorava da anonimo impiegato dell’Ufficio Brevetti di Berna, in «quel chiostro terreno dove covavo le mie idee più belle».

Dalla relatività ristretta alla relatività generale, il suo sguardo riuscì a rivoluzionare addirittura i concetti di spazio e tempo, permettendo al genere umano un enorme balzo in avanti dovuto alla sua immaginazione. Non tutti sanno che Einstein non vinse il premio Nobel per la teoria della relatività, bensì per un altro articolo, scritto nel 1905, che fu un mattone essenziale per la costruzione della Meccanica Quantistica. Eppure Einstein non amò mai questa teoria perché pensava che fosse incompleta, in quanto prediceva solo delle probabilità (da qui la famosa frase “Dio non gioca a dadi”). Nel 1935 Einstein cercò addirittura di dimostrare che la Meccanica Quantistica non stesse in piedi ma la sua classe era tale che da quell'articolo “sbagliato” nacquero tre attualissimi filoni di ricerca che, come ci dice il fisico e amico di ASAI Stefano Sciuto, sembrano usciti da film di fantascienza: il teletrasporto, il computer quantistico e la crittografia quantistica!
 
albert3

Anche dopo la morte, avvenuta nel 1955, Einstein continuò a far parlare di sé e non solo per la portata delle sue intuizioni. Diversi specialisti provarono addirittura a carpirne i segreti studiando il cervello del genio, sottratto senza permesso dal patologo Thomas Harvey e costretto a girovagare per gli Stati Uniti in una Buick presa a noleggio. In realtà l’aspetto interessante era capire come funzionasse la mente di Einstein, e non il suo cervello. Di certo, per tutta la vita, la curiosità lo spinse «a interrogarsi su ciò che era familiare, su quei concetti sui quali l’adulto non si arrovella mai». In lui, inoltre, era forte il senso del bello e la bellezza era frutto della semplicità: anche per questo amava suonare Mozart con il suo adorato violino. Albert non perse mai quella «stupenda mescolanza» di fiducia, umiltà e meraviglia che fece di lui uno dei più grandi rivoluzionari del ‘900. Ancora oggi la sua vita straordinaria ci riporta all’importanza della creatività, del bello, dell’immaginazione, della responsabilità individuale, della concentrazione, dello sguardo e dell’impegno. 

Nel nostro piccolo, dando a tanti bambini e ragazzi l’opportunità di immaginare e sperimentare, ci piacerebbe offrire loro la possibilità di gustare le scienze e, in generale, lo studio. Perché «la mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre».
 
 
Articolo a cura di Paola Cereda, operatrice ASAI e regista della compagnia teatrale assaiASAI
 
 
Per noi #lescienzesonobellissime. All'attivo abbiamo i progetti:
 
I Mini Ricercatori di Porta Palazzo, 2017/18, in collaborazione con Centroscienza Onlus e il sostegno di Lavazza
Scienze in Barriera, 2018, in collaborazione con CentroScienza Onlus e AISF Torino, con il sostegno della Circoscrizione VI
Piccoli Esploratori di San Salvario, 2018, FAMI MULTIAZIONE – Progetto InterAzioni in Piemonte Azione 1 “EducAzione”, Terremondo in collaborazione con ASAI

Entro il 10 ottobre per il servizio civile in ASAI…

E' attivo il bando per il Servizio Civile Nazionale, un'esperienza di cittadinanza attiva per giovani tra i 18 e i 28 anni. Tra gli enti accreditati, ASAI ...

Read more

Piazze virtuali e piazze reali: i bambini e i social…

  Le maestre Silvia Trabucco e Maria Catapano della scuola Fiochetto (ora scuola Poli) dell'IC Regio Parco, raccontano l'esperienza sul tema reti v...

Read more

La potenza del colore a Porta Palazzo

L’acquerello steineriano è una tecnica di pittura che utilizza il colore nella sua forma più pura, tenendo conto della luce, della materia...

Read more

La capoeira: una disciplina che educa al senso di comunità

  Luiz Pinho, educatore ed esperto di capoeira, ci racconta l'intreccio tra contemporaneità, educazione e pratica, a partire dalla sua esperienza...

Read more

AssaiASAI. Dal fare teatro alle parole per raccontarlo

  Dalla sua formazione (era il 2011) a oggi, la compagnia teatrale assaiASAI si conferma una realtà in costante crescita artistica... e umana!&nb...

Read more

Giovani e lavoro, le opportunità vincenti

  5 assunzioni dirette di giovani con contratti di apprendistato o indeterminato, 13 assunzioni a chiusura del periodo di tirocinio su 42 tirocini avv...

Read more

Che cosa c'entra Einstein?

  Da qualche tempo ASAI ha allargato la sua offerta formativa proponendo a bambini e ragazzi diversi percorsi scientifici in collaborazione con esperti ...

Read more

Caro studente, vai subito al sodo!

Stefano Sciuto, volontario di ASAI e già Professore ordinario di Fisica Teorica all'Università di Torino, dà un esempio concreto su come ap...

Read more

Che cosa CI è successo: il video di giustizia riparativa

Guarda il nuovo video che racconta RICOMINCIAMO, progetto torinese di giustizia riparativa rivolto ai minorenni autori di reato e alle loro vittime, che offre...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

InstagramFacebook Logo

ASAI newsletter

 
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali per finalità di invio newsletter ai sensi del GDPR 679/2019

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie