Da Torino a Ramallah per pensare la pace

Galas Mbengue, ex servizio civile in ASAI, ha rappresentato l'associazione in uno scambio internazionale che si è tenuto in Palestina dal 4 al 7 ottobre 2018. Nel suo racconto, descrive l'esperienza e condivide con noi le sue impressioni. 
 
Muro
 
Il mio viaggio in Palestina è cominciato la mattina del 4 ottobre. A Tel Aviv mi aspettavano i miei compagni di viaggio, ragazzi che arrivavano da diverse parti d’Europa: Francia, Grecia, Spagna, altri ragazzi italiani e i rappresentanti di Secours Populaire, l’associazione organizzatrice del convegno.
 
Fin da subito si è creato un bel clima tra di noi. Siamo andati in bus fino a Ramallah, dove siamo stati accolti nella sede centrale della Palestinian Medical Relief Society, associazione di volontari che si occupa di prestare soccorso medico e di fornire beni di prima necessità nelle zone dei territori palestinesi dove l’assistenza medico-sanitaria è scarsa o inesistente.

C’era molta gente ad aspettarci, soprattutto giovani, principalmente studenti universitari che non vedevano l’ora di poter scambiare due chiacchere con noi, giunti da lontano. Ci siamo riuniti nella sala congressi e il presidente dell’associazione, Mustafa Barghouti, ci ha dato il benvenuto con un discorso che mi ha molto impressionato. Oltre a raccontarci, con tanto di documenti e immagini, la storia del conflitto israelo-palestinese, ha concluso con un omaggio a Razan Al Najjar, volontaria dell’associazione uccisa da un cecchino israeliano qualche mese prima a Gaza durante una manifestazione. Razan aveva 21 anni.
 
Il mattino seguente sono cominciati i workshop con temi diversi, come il problema dell’inquinamento ambientale, molto sentito in Palestina, o la giustizia sociale, la parità fra i sessi e la solidarietà internazionale.
 
Galas

Il muro che divide la Palestina da Israele mi ha colpito molto: è un museo a cielo aperto ricoperto da splendidi murales che raccontano soprattutto il conflitto, ma è anche una barriera militare e il confine di una prigione a cielo aperto.

Betlemme e Ramallah non sono distanti, in macchina ci si mette circa 45 minuti, ma solo se si prende l’autostrada israeliana che è vietata ai palestinesi. Per loro ci sono delle altre strade, strade pericolose, strette e costantemente intasate dal traffico, per colpa dei tanti checkpoint che allungano i tempi e le distanze.
Durante il tragitto Rami, studente palestinese alla facoltà di medicina di Betlemme, mi raccontava di come per andare all’ Università alle 8 di mattina debba svegliarsi alle 3 per essere sicuro di arrivare in tempo per l’inizio della lezione.

Samir, il ragazzo che ci ha fatto da cicerone, ha preparato per noi un vero e proprio banchetto nel suo paese di origine, un piccolo villaggio poco fuori da Ramallah. Lì ho conosciuto la grande ospitalità dei palestinesi, la loro forza e la loro grande umiltà. Nonostante la situazione, sono capaci di sorridere, apprezzare ciò che hanno e sperare in un giorno migliore.

La cena da Samir mi resterà impressa nella mente e non dimenticherò mai il sorriso dei suoi figli. Spero un giorno di poter tornare in Palestina e di vedere di nuovo le persone che ho avuto l’onore di conoscere, sperando di rincontrarle in una terra in pace. 
 
Galas Mbengue
 
 
 
 
 
 
 

Centri aggregativi e distanziamento fisico: insieme alla giusta distanza

  Durante l'emergenza sanitaria, il tradizionale lavoro educativo con i ragazzi delle scuole medie è stato messo in discussione da nuovi bisogni...

Read more

Tirocinio in ASAI. Come abbattere le barriere (di uno schermo)

  Valentina Villani è una studentessa dell'Università degli Studi di Torino che si è trovata ad affrontare il tirocinio proprio dur...

Read more

Sportello Lavoro in modalità virtuale

  Lo sai che le attività di orientamento dello Sportello Lavoro non sono ferme? Tutti i martedì, dalle ore 15:00 alle ore 18:00, si pu&og...

Read more

Pratiche riparative nelle scuole. Quale importanza?

Pietro e Ilaria hanno 14 anni ed entrambi non vanno più a scuola. Le loro storie sono simili a quelle di tanti ragazzi che, dopo aver commesso o s...

Read more

TUTOR di giustizia riparativa. Un'esperienza che trasforma

  I tutor del progetto One More Time accompagnano i minorenni autori di reato e le rispettive famiglie nei percorsi di riparazione. I tutor sono figure ...

Read more

Didattica L2 a distanza: da emergenza a prassi

  A un mese e mezzo dall’inizio dell’emergenza COVID-19, la didattica a distanza non può più essere considerata “emergen...

Read more

I Piccoli Esploratori continuano le loro avventure

Abbiamo voglia di guardare il cielo! Abbiamo voglia di conoscere e giocare!   I Piccoli Esploratori di San Salvario non smettono di viaggiare: ecco il ...

Read more

Quanta poesia al doposcuola elementari!

  Il doposcuola elementari di San Salvario non smette di sorprenderci con la sua creatività e il suo colore. Grazie all'impegno dei bambini, dei ...

Read more

Nessuno resti indietro! Il tuo 5x1000 ad ASAI

L'emergenza sanitaria ci ha messo davanti a nuovi bisogni e a nuovi orizzonti. Prioritaria, per ASAI, l'attenzione a tutti i bambini, agli adolescenti e alle ...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

InstagramFacebook Logo

ASAI newsletter

 
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali per finalità di invio newsletter ai sensi del GDPR 679/2019

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Clicca su "CHIUDI" per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie.