Imparar giocando…

formazione adulti

"Prima il dovere e poi il piacere". E se il dovere si potesse svolgere con piacere o diventasse esso stesso piacere?
 
Stiamo pensando alla scuola, ai compiti a casa, all’apprendimento e… al gioco. Il sostegno scolastico in ASAI non consiste unicamente nel seguire bambini e ragazzi durante lo svolgimento dei compiti. I doposcuola, infatti, sono affiancati da laboratori espressivi e ludici, utili alla crescita complessiva dei singoli e del gruppo.
 
Parte integrante del doposcuola sono anche i laboratori didattici, mirati a potenziare l’apprendimento. Vi sembra strano o impossibile? Proviamo a curiosare in una di queste realtà: il laboratorio di giochi didattici del doposcuola di via Genè.
 
Semplice strumento o approccio essenziale?

Il laboratorio di giochi didattici, ideato e animato da Carla e Rosanna con il prezioso contributo dell’esperienza e della manualità di Piera, è uno spazio che affianca e potenzia la classica attività di doposcuola. I bambini che hanno terminato i loro compiti hanno infatti l’opportunità di continuare ad allenare le proprie competenze di base nell’italiano e nella matematica attraverso attività ludiche, coinvolgenti e stimolanti.

Si tratta di un vero e proprio metodo per realizzare percorsi di apprendimento che prendano le mosse dalle capacità e dalle passioni dei bambini. I giochi ideati e perfezionati in questi anni perseguono obiettivi didattici molto chiari e sfruttano strategie variegate, per offrire motivazioni e opportunità a ciascuno: c’è chi riesce meglio in un’attività, rafforzando la propria autostima e chi in un’altra, migliorando insieme passo a passo, c’è chi grazie a un gioco impara parole nuove e chi supera quasi senza accorgersene uno “scoglio” in matematica. Se da un lato si sperimentano tecniche alternative per calcolare, dall’altro si lascia spazio alla creatività dei bambini nell’espressione e nel dialogo.

I piccoli ovviamente sono entusiasti. E se inizialmente qualche genitore era perplesso rispetto a questo approccio (“ehi, ma mio figlio viene per fare i compiti, non per giocare!”), con il tempo, con le spiegazioni degli educatori e soprattutto con l’affiorare di miglioramenti concreti nell’apprendimento, si sta insieme sciogliendo parecchio scetticismo. Insegnanti e famiglie, infatti, riconoscono che imparare facendo, anche attraverso il gioco (soprattutto dopo 8 ore di scuola), è davvero essenziale perché porta a risultati sorprendenti e duraturi. Come sostiene un proverbio giapponese, spesso ripetuto da Bruno Munari, «Chi ascolta dimentica, chi vede ricorda, chi fa impara». Insomma, il gioco didattico è un’ottima sintesi di accoglienza e apprendimento.
 
Per farsi un’idea

I giochi didattici dell’area linguistica mirano a sviluppare la capacità di distinguere i suoni, di leggere, arricchire il lessico e parlare. I giochi didattici dell’area matematica puntano a potenziare l’orientamento, l’uso delle quattro operazioni base, la conoscenza delle tabelline e la logica.
 
Gli strumenti sono i più vari: carte, dadi, domino, puzzle, memory, eccetera, tutti “riadattati e personalizzati” dal paziente lavoro di Carla e Rosanna per accendere l’interesse dei bambini e rafforzare le attività scolastiche e i compiti. Si va dalla tombola con le tabelline, al domino in cui abbinare i contrari degli aggettivi; dal memory con immagini e sillabe che si completano, a una tavola pitagorica in legno da montare e smontare; dai cartoncini colorati di frasi da ricostruire, ai puzzle che mostrano disegni collegando moltiplicazioni e risultati.

Ma per capire e imparare, bisogna imparar giocando.
 
Connessioni e scambi
 
Nel costante scambio di esperienze e pratiche, che caratterizza anche internamente il lavoro di ASAI, si è organizzato un incontro in cui i laboratori didattici sono stati presentati a educatori e volontari dei doposcuola di altre sedi. Carla e Rosanna hanno condiviso l’attività tenendo insieme pratica e riflessività, mostrando i giochi e spiegando il senso di ciascuno, i limiti e le sorprese emersi nella loro esperienza concreta. Sommerse di domande, hanno risposto con pazienza e passione, invitando anche a sperimentare e innovare.
 
Formazione2

E così chi ha partecipato all’incontro ha sperimentato, provato e giocato, talvolta con esiti buffi a vedersi. Ecco allora Carla che guida Anna, Nadija, Cesarina e Norma nella tabellina del sette con l’uso delle dita, mentre Anna, Nicoletta e Francesco sudano nel tentare di risolvere il “gioco del 42”. Più tardi, Antonio, Laura, Francesca, Gianna, Guillermo si sfidano a inventare frasi lunghe e imprevedibili con le varie parti del discorso di un coloratissimo puzzle.

È stata una significativa esperienza di connessione e confronto (che ora verrà condivisa e diffusa nei vari territori), perché, per imparare e crescere collettivamente, è importante e utile anche divertirsi e stare bene insieme!
 
Se vuoi saperne di più, scrivi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Articolo a cura di Francesco Caligaris, volontario
 

"Bazzicare al centro commerciale" per incontrarsi e creare

  Il Centro Commerciale Shopville Le Gru di Grugliasco è il più grande centro commerciale in Piemonte e uno dei più estesi in Itali...

Read more

Vuoi parlare arabo marocchino?

In ASAI si parlano tante lingue, vuoi imparare l'arabo con noi? Se sei interessato ad avvicinarti alla lingua e alla cultura araba, l'insegnante marocchina H...

Read more

Natale (non solo) con i tuoi!

  Lo sa anche Babbo Natale! Il Panettone della Solidarietà è buonissimo e sostiene tante famiglie in difficoltà e minori stranieri ...

Read more

Laboratori per adulti a Porta Palazzo

  A Porta Palazzo anche gli adulti possono sperimentarsi e imparare!   Vuoi cucire? Sei interessato a un corso di cucina multietnica? S...

Read more

REACT Torino

Il progetto R.E.A.C.T. Reti per Educare gli Adolescenti attraverso la Comunità e il Territorio mira a contrastare la povertà educat...

Read more

Il tuo tempo vale. Diventa volontario

Vuoi fare un'esperienza interculturale come volontario o tirocinante? In ASAI c'è spazio per te e per le tue idee.     ...

Read more

Che cosa CI è successo: il video di giustizia riparativa

Guarda il nuovo video che racconta RICOMINCIAMO, progetto torinese di giustizia riparativa rivolto ai minorenni autori di reato e alle loro vittime, che offre...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

FBLogo Twitter logo 

ASAI newsletter

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie