La mamma-cuoca racconta il suo Saint Jacques

Neve bas
 
Valentina, mamma e cuoca volontaria dei campi invernali, racconta la sua esperienza a Saint Jacques.
 
La prima volta in cui sono andata a Saint Jaques a fare la “mamma cuoca” era inverno, mio figlio faceva la prima elementare e avevo dato la mia disponibilità senza sapere bene di cosa si trattasse. 
 
Mi ero ritrovata coinvolta in un servizio intenso ma in un’atmosfera così preziosa e coinvolgente che mi ha catturata. Da allora sono passati cinque anni e tutte le volte che posso rinnovo la mia disponibilità al servizio. A raccontarlo sembra faticoso: tanti bambini e animatori per i quali preparare colazione, pranzo, merenda e cena, le pentole da lavare, tutto da rimettere a posto, i piatti-bicchieri-posate-tovaglioli da contare e suddividere per facilitare il contributo dei bambini, il ritmo intenso delle varie preparazioni e gli imprevisti, che non mancano mai! Ma la magia del campo ripaga di ogni fatica.
 
Quando parlo di magia non intendo solo l’opportunità di vedere il proprio figlio/a in un momento di confronto e apprendimento, ma parlo anche dell’atmosfera di collaborazione, scambio e condivisione che si crea. Si ha veramente la sensazione di essere una comunità che lavora e respira allo stesso ritmo, che semina e raccoglie frutti. Ogni semplice azione, dallo spalmare la marmellata sulle fette di pane, al rompere le uova per la frittata, appartiene a un progetto grande: il benessere e l’armonia dei partecipanti.
 
Cuochi bas
 
Che soddisfazione vedere i bambini coi sorrisi raggianti che sprizzano felicità anche mentre lavano i piatti o puliscono per terra, vederli che magari assaggiano qualcosa di completamente nuovo e lo trovano buonissimo (l’insalata di Saint Jacques è famosa nel mondo per questo!), sapere che i panini che gli animatori portano con sé aiuteranno i più coraggiosi a salire fino al Mezzalama.

Ogni gesto, durante i giorni del campo, è fatto con cura e con amore, ogni persona che porta il suo contributo si mette a totale disposizione: gli animatori per primi, che passano “in prima linea” le giornate coi bambini e poi, dopo averli messi a letto, le nottate a organizzare le attività e scambiarsi le opinioni su ogni partecipante per essere certi che il gruppo sia partecipato e attivo.

Se dovessi riassumere in una parola lo spirito del campo sarebbe proprio questa: gruppo. Tutti dentro, nessuno fuori. Ognuno nel cerchio, nessuno nell’angolo. Compresi noi cuochi, che dopo aver cotto tutte le pizze nei forni, preparato polpette e budini e sbucciato, e lavato, e tagliato e asciugato, anche noi ridiamo e scherziamo e ci sentiamo parte del gruppo e alla fine della giornata raggiungiamo il cerchio nel salone per dire anche noi, alla luce della candela, il nostro grazie per i sorrisi donati e quelli ricevuti, grazie per essere qui, ancora una volta, a dare il nostro semino per creare ricordi indelebili.
 
Valentina, mamma e cuoca volontaria 
 
Sfoglia LA NEVE SU SAINT JACQUES, il giornalino che raccoglie i pensieri e le avventure dei bambini.
 
Gruppo bas

Centri aggregativi e distanziamento fisico: insieme alla giusta distanza

  Durante l'emergenza sanitaria, il tradizionale lavoro educativo con i ragazzi delle scuole medie è stato messo in discussione da nuovi bisogni...

Read more

Tirocinio in ASAI. Come abbattere le barriere (di uno schermo)

  Valentina Villani è una studentessa dell'Università degli Studi di Torino che si è trovata ad affrontare il tirocinio proprio dur...

Read more

Sportello Lavoro in modalità virtuale

  Lo sai che le attività di orientamento dello Sportello Lavoro non sono ferme? Tutti i martedì, dalle ore 15:00 alle ore 18:00, si pu&og...

Read more

Pratiche riparative nelle scuole. Quale importanza?

Pietro e Ilaria hanno 14 anni ed entrambi non vanno più a scuola. Le loro storie sono simili a quelle di tanti ragazzi che, dopo aver commesso o s...

Read more

TUTOR di giustizia riparativa. Un'esperienza che trasforma

  I tutor del progetto One More Time accompagnano i minorenni autori di reato e le rispettive famiglie nei percorsi di riparazione. I tutor sono figure ...

Read more

Didattica L2 a distanza: da emergenza a prassi

  A un mese e mezzo dall’inizio dell’emergenza COVID-19, la didattica a distanza non può più essere considerata “emergen...

Read more

I Piccoli Esploratori continuano le loro avventure

Abbiamo voglia di guardare il cielo! Abbiamo voglia di conoscere e giocare!   I Piccoli Esploratori di San Salvario non smettono di viaggiare: ecco il ...

Read more

Quanta poesia al doposcuola elementari!

  Il doposcuola elementari di San Salvario non smette di sorprenderci con la sua creatività e il suo colore. Grazie all'impegno dei bambini, dei ...

Read more

Nessuno resti indietro! Il tuo 5x1000 ad ASAI

L'emergenza sanitaria ci ha messo davanti a nuovi bisogni e a nuovi orizzonti. Prioritaria, per ASAI, l'attenzione a tutti i bambini, agli adolescenti e alle ...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

InstagramFacebook Logo

ASAI newsletter

 
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali per finalità di invio newsletter ai sensi del GDPR 679/2019

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Clicca su "CHIUDI" per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie.