Le vacanze non sono solo un ricordo. Ecco i giornali dei bambini!

È autunno e dell’estate restano i ricordi. Per esempio quelli dei campi con i bambini delle elementari a Saint Jacques: i giochi nei prati e nei boschi, i laboratori esperienziali, la scoperta di come stare nella natura e con gli altri, le passeggiate al Lago Blu, al Pian di Verra, per alcuni l’avventura fino al Mezzalama e molto altro.
 
1ECOSAINTJACQUES bas
 
Tra le tante attività condivise ai campi, i bambini hanno anche scritto… “Scritto??? Fate compiti e temi anche in montagna?” In realtà non si tratta di compiti, ma di giornalini, che anche quest’anno sono stati proposti, ricevendo un’accoglienza entusiasta dai bambini; che hanno voglia di raccontare, di fissare momenti, per poi continuare di corsa la propria crescita e il divertimento dello stare assieme. Sfogliare i giornalini, quindi, non è solo ricordare l’estate, ma diventa un esplorare che cosa si nasconde sotto le parole dei bambini. Un impegno serio, perché i bambini hanno sempre qualcosa da dirci, da insegnarci, da svelarci. Richiede attenzione, richiede disponibilità a farci ascoltatori.
 
Cliccando sulle icone delle copertine o sui titoli, è possibile accdere agli album Facebook e sfogliare L'ECO DI SAINT JACQUES e LA MAGIA DI SAINT JACQUES. Di seguito alcuni spunti, come stimolo a leggere le perle preziose contenute nei due giornalini.
 
“Ciao io sono Francesca […] Martedì Micaela ci ha letto una bellissima storia ‘Alla ricerca delle capre’. È stato bellissimo! No, è stato fantastico.”
 
“Oggi mi sono divertito tanto. Siamo andati al rifugio Ferraro. Abbiamo mangiato molto e ci hanno fatto dei quiz sulle mappe…”
 
“…alla passeggiata abbiamo camminato tantissimo, abbiamo giocato molto, mi sono divertita tantissimo!”
 
“Io sono Simone e mi è piaciuto andare al Mezzalama, mi sono divertito un mondo. È stata una camminata lunghissima ma alla fine ce l’abbiamo fatta. […] Verso la strada del ritorno ci siamo inventati una bella canzone da cantare agli altri per farli star meglio visto che non sono venuti a Mezzalama.”
 
“È stata una giornata bellissima ma stancante. Pensate che quando mi sono seduto per togliermi le scarpe non avevo più le forze per alzarmi. Emanuele, 10 anni e mezzo
 
“È stata una camminata molto faticosa. Ma la fatica è stata ricompensata da uno splendido paesaggio. Davide 10 anni
 
La parola “fatica” è stata scritta (e vissuta) spesso dai bambini. Per raggiungere una meta, bisogna impegnarsi, bisogna sudare. Più si fatica e maggiore è la gioia di esserci riusciti. E la gioia è ancora più significativa quando l’impegno è nel cercare di far star meglio anche gli altri.
 
“Del campo mi sono piaciuti gli animatori: Antonio perché è divertente, Emma perché è brava e gentile."
 
“Ciao sono Alex. Questi giorni mi sono divertito un sacco con gli animatori e li ringrazio.”
 

Grazie per avermi ascoltato”

L’ascolto è prezioso: fa star bene noi stessi e chi ci circonda. Un ascolto dedicato a prendersi cura gli uni degli altri per crescere nelle scalate della VITA! Un ascolto che ci porta a ringraziare chi si dedica a noi.
“Questo campo è molto bello. Mi è piaciuto tanto fare la pizza. La sera nel letto piango perché mi manca mamma. Mi è piaciuto tanto fare il telaio. Elisa 8/9 anni”
“…verranno i genitori. Questi momenti sono bellissimi. Ioana 7 anni”
“Sono Peter. In questi giorni sono cambiato. Sono diventato un po’ diverso sempre uno alla volta. E non vedrò l’ora di vedere mamma e papà. Ma mi mancheranno nonna Gianna e Stefano.”
I genitori non si possono dimenticare: gli affetti, da cui i bambini si separano fisicamente per qualche giorno, si rafforzano grazie alla libertà di crescere, di conoscere, di fare esperienze con altre persone. Questo ci rende tutti “GRANDI”.
“Il primo giorno questo campo non mi pareva un granché. Ma poi giorni dopo ho imparato ad apprezzarlo. Anche se il prossimo anno farò 1° media spero (come aiuto) di poter rivenire nel campo delle elementari. Ma la cosa più bella è stato il percorso del Mezzalama scalato solo da me e altri 11 bambini. Sono posti magnifici. Abbiamo visto 2 camosci/stambecchi, animali fantastici veloci ma inoffensivi. Niccolò 11 anni”
“Sono Lorenzo (uno dei tanti) e volevo dire che in questi giorni mi sono molto divertito a giocare e imparare moltissime cose sulla montagna. Consiglio caldamente di partecipare a questo campo. Lorenzo De Martino 13 anni”
“Questo si chiama cambio delle aspettative, nel senso che non mi aspettavo un così bel campo… Federico 10 anni”
Anche gli animatori raccontano:
“…fantastico perché stare con tutti i bambini e organizzare i giochi e vedere che si divertono e che sono felici ti gratifica perché è veramente bello vedere i bambini che si impegnano nelle varie attività… impegnativo perché trovare giochi e attività adatti a loro è abbastanza difficile e anche l’organizzazione è complicata perché devi spiegare tutto affinché sia tutto chiaro e avere tantissima pazienza.”
“Questa settimana insieme è servita anche a me a realizzare momenti non vissuti delle elementari. Insieme ci siamo divertiti e scambiato emozioni, simili a quelle vissute in una famiglia unita. Grazie di cuore. Giulia”
“Anche se per la prima volta, non mi sono trovata in difficoltà (parlo da animatrice), penso che nel momento in cui ti guardi intorno e vedi 50 bambini su e giù sia un po’ come spegnere un interruttore che allontana da tutto il resto. Andrea B 16 anni”
“Ieri, andando al Mezzalama, i bambini sono riusciti a non farmi sentire la fatica della camminata, anche se dovrebbe essere il contrario… Elisa 14 anni”
“Ho visto e fatto tante cose. Faccio parte delle persone che fanno la cucina ma gioco anche con i bambini con i quali ho fatto amicizia… Mammadou che arriva da molto lontano”
Se ci si ascolta, se ci si rispetta reciprocamente, se si gioca in modo che tutti si divertano, se ci si sente tra amici, anche un luogo conosciuto da sempre (una casa in montagna, uno spazio in città, la nostra famiglia…), apparentemente uguale a se stesso, cambia e migliora, diventa più bello e ci emoziona!
Quello che i racconti dei bambini riescono a trasmettere è un piccolo tesoro da spendere giorno dopo giorno negli incontri e nelle attività che continuiamo a fare cercando di costruire spazi di umanità dove nessuno è fuori del gruppo, tornando e ritornando nello stesso luogo… per scoprire come migliora!
Magia bas
Buona lettura!

Centri aggregativi e distanziamento fisico: insieme alla giusta distanza

  Durante l'emergenza sanitaria, il tradizionale lavoro educativo con i ragazzi delle scuole medie è stato messo in discussione da nuovi bisogni...

Read more

Tirocinio in ASAI. Come abbattere le barriere (di uno schermo)

  Valentina Villani è una studentessa dell'Università degli Studi di Torino che si è trovata ad affrontare il tirocinio proprio dur...

Read more

Sportello Lavoro in modalità virtuale

  Lo sai che le attività di orientamento dello Sportello Lavoro non sono ferme? Tutti i martedì, dalle ore 15:00 alle ore 18:00, si pu&og...

Read more

Pratiche riparative nelle scuole. Quale importanza?

Pietro e Ilaria hanno 14 anni ed entrambi non vanno più a scuola. Le loro storie sono simili a quelle di tanti ragazzi che, dopo aver commesso o s...

Read more

TUTOR di giustizia riparativa. Un'esperienza che trasforma

  I tutor del progetto One More Time accompagnano i minorenni autori di reato e le rispettive famiglie nei percorsi di riparazione. I tutor sono figure ...

Read more

Didattica L2 a distanza: da emergenza a prassi

  A un mese e mezzo dall’inizio dell’emergenza COVID-19, la didattica a distanza non può più essere considerata “emergen...

Read more

I Piccoli Esploratori continuano le loro avventure

Abbiamo voglia di guardare il cielo! Abbiamo voglia di conoscere e giocare!   I Piccoli Esploratori di San Salvario non smettono di viaggiare: ecco il ...

Read more

Quanta poesia al doposcuola elementari!

  Il doposcuola elementari di San Salvario non smette di sorprenderci con la sua creatività e il suo colore. Grazie all'impegno dei bambini, dei ...

Read more

Nessuno resti indietro! Il tuo 5x1000 ad ASAI

L'emergenza sanitaria ci ha messo davanti a nuovi bisogni e a nuovi orizzonti. Prioritaria, per ASAI, l'attenzione a tutti i bambini, agli adolescenti e alle ...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

InstagramFacebook Logo

ASAI newsletter

 
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali per finalità di invio newsletter ai sensi del GDPR 679/2019

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Clicca su "CHIUDI" per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie.