Buona fortuna, Mamadou!

sasso
 
Massimiliano Manai, operatore dello Sportello Lavoro di ASAI, racconta l'esperienza di Mamadou un anno dopo il suo arrivo in Italia, su un barcone. 
 
Sono sardo e, quindi, sono un isolano. Forse per questo mi è impossibile non pensare al mare quando incontro ragazzi e ragazze migranti che arrivano allo Sportello Lavoro.
 
Un anno fa ho incontrato Mamadou che, a sua volta, aveva da poco incontrato il suo muro più alto, fatto di acqua, sole e di quattro giorni passati tra le onde del Mediterraneo. Il mare continua ad essere la presenza costante all’interno delle storie dei ragazzi che si siedono intorno al tavolo della sala grande di via Principe Tommaso, quella dalle pareti blu, manco a farlo apposta.
 
Di Mediterraneo si parla ogni giorno sui giornali, nei bar, sugli autobus, ma i porti delle nostre coste non sono più associati all'idea di luoghi sicuri dove ripararsi dalle tempesta, con i fari rossi a indicare la strada da seguire. C'è chi parla di chiudere i porti e di abdicare così a quel ruolo di accoglienza, ristoro e sicurezza di cui tutti hanno diritto.
 
A pensarci bene, anche lo Sportello Lavoro Asai è un po’ un porto di mare nel quale tantissime persone trovano riparo fisico e, soprattutto, psicologico, dalle intemperie dell'esistenza. Nessuno nega le problematiche nel sistema di accoglienza degli immigrati e noi, che lavoriamo in prima linea, siamo i primi a conoscere bene le difficoltà del settore. Nonostante le problematiche, però, abbiamo scelto di lasciare ben aperto il nostro porto, per continuare a conoscere le persone e le loro storie. 
 
Come quella di Mamadou che è un giovane ragazzo guineano di 20 anni. L'anno scorso ci raccontava il suo viaggio sul barcone dove “avevamo la bussola e una carta. Ci siamo stati 4 giorni e ogni mattina al risveglio ci chiedevamo se sarebbe stato l’ultimo”. Tenere Mamadou fuori dalla nostra vita e toglierci la possibilità di conoscerlo, sarebbe stata per noi una grande perdita. Per lui è stato un anno impegnativo: ha frequentato il CPIA, ha imparato l'italiano e poche settimane fa ha preso la licenza media, un primo importante passo per vivere qui in Italia. I suoi professori Roberto e Valeria gli hanno regalato una borsa e un biglietto che dice “Ci sono persone che ci danno più di quanto ricevano. Ti ringraziamo per quello che ci hai insegnato sulla vita e sulla nostra umanità in questi mesi insieme. Buona fortuna!”.  
 
Scoperte emozionanti che possiamo realmente sperimentare solamente se ci diamo la possibilità di far entrare l’altro diverso da noi, per scoprire che diversità e vicinanza sono le due facce di uno stesso incontro. Questa è una delle tante esperienze che facciamo ogni giorno allo Sportello Lavoro.
 
Senza titolo
 
Nella foto qui sopra Mamadou è tra Olmo e Francesca, alla fine del corso di orientamento al lavoro frequentato lo scorso anno. I tre ragazzi sono diversissimi tra loro: un trentenne italiano con un’esperienza decennale di cooperazione internazionale, un ventenne guineano che studia per la terza media, una diciannovenne italiana neo diplomata alla prima esperienza di lavoro e con una forza da fare invidia a molti, che si siedono intorno a un tavolo alla pari, con la voglia di condividere un percorso insieme, al netto delle loro (grandi) differenze.
 
Tre persone che sono entrate per motivi differenti allo Sportello Lavoro e hanno fatto con noi un pezzo di strada, lasciandoci il piacere dell'umano e il desiderio di tornare a incrociare i nostri cammini. Tutto questo non sarebbe potuto accadere se avessimo chiuso il nostro porto.
 
#Apriteiporti

Il mondo è bellissimo: esploriamolo insieme!

  Riprendono le attività dei Piccoli esploratori: tanti appuntamenti per conoscere, interagire, studiare, esplorare, pensare, giocare, imparare.&...

Read more

Laboratori per adulti a Porta Palazzo

  A Porta Palazzo anche gli adulti possono sperimentarsi e imparare!   Vuoi cucire? Sei interessato a un corso di cucina multietnica? S...

Read more

Caro studente, vai subito al sodo!

Stefano Sciuto, volontario di ASAI e già Professore ordinario di Fisica Teorica all'Università di Torino, dà un esempio concreto su come ap...

Read more

Dall'orto di San Mauro, un dono chiamato Accoglienza

ll Centro di Prima Accoglienza per minori non accompagnati di San Mauro Torinese sta raccogliendo i primi preziosi prodotti dell'orto che, con molta dedizione e...

Read more

Tanti giovani sulle Tracce del lavoro

  «È iniziato Tracce? Ha 21 anni e non parla italiano, lo mando a Tracce o al gruppo del venerdì? Come sta andando Tracce, avet...

Read more

Il tuo tempo vale: diventa volontario

Vuoi fare un'esperienza interculturale come volontario o tirocinante? In ASAI c'è spazio per te e per le tue idee.     ...

Read more

Che cosa CI è successo: il video di giustizia riparativa

Guarda il nuovo video che racconta RICOMINCIAMO, progetto torinese di giustizia riparativa rivolto ai minorenni autori di reato e alle loro vittime, che offre...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

FBLogo Twitter logo 

ASAI newsletter

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie