Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Siamo FRAGILI: trattiamoci con cura

Sul numero di dicembre di ASINO CHI LEGGE, gli adolescenti del centro aggregativo di via Sant'Anselmo presentano la loro campagna "FRAGILI. Materiale umano: trattare con cura".
 
Clicca sulle icone e scopri l'invito rivolto a coetanei e adulti a essere delicati e gentili con gli altri, "perché dentro ciascuno di noi c’è un mondo interiore fatto di emozioni che la violenza potrebbe spezzare".
 
2017 12 AsinoChiLegge 01 BAS
 
2017 12 AsinoChiLegge 02 BAS
 
Siamo Ahmed, Alessandro, Alessio, Gabriel, Heba, Joao, Mara, Marta, Martina, Nadia, Valentin. Siamo undici ragazzi tra i 14 e i 18 anni. Frequentiamo l'ASAI per studiare in gruppo nel doposcuola superiori e per trascorrere del tempo insieme. Ogni tanto, terminato il momento dello studio, ci troviamo a ragionare insieme a Dalila, Davide e Riccardo, operatori del Centro, su alcuni temi per noi importanti, partendo sempre dai nostri vissuti e dalle emozioni che questi ci suscitano. Recentemente abbiamo discusso di come siano le relazioni all'interno delle scuole che frequentiamo e nei nostri giri di amicizie. Dai racconti di ciascuno, abbiamo scoperto essere diffusi, tra noi ragazzi, comportamenti di aggressività, discriminazione, presa in giro e violenza di alcuni a danno di altri.
 
Questo tipo di comportamenti è comunemente denominato "bullismo". Se ne parla spesso in televisione, sui social e anche a scuola. Cos'è che ci spinge a isolare qualcuno all'interno di una classe? A prenderci in giro per le nostre caratteristiche caratteriali o fisiche fino a provocarci delle ferite profonde? Perché abbiamo inventato la categoria dello "sfigato" contro cui sfogare la nostra cattiveria? Alcuni di noi si sentono a proprio agio in mezzo alle persone, sono spigliati, sciolti, sicuri di sé. Altri fanno di tutto per mostrarsi sempre all'altezza, alla moda, simpatici, brillanti, socievoli, con la battuta pronta. Qualcuno invece non ci riesce proprio. Non ce la fa a staccarsi di dosso l'etichetta di "sfigato" e inevitabilmente diviene oggetto di parole offensive e di scherzi volgari e spesso crudeli. E si arrabbia. Oppure si chiude, si isola. Preferisce starsene in disparte, costruendo un muro esterno di invisibilità e un altro interiore per diventare sempre più inscalfibile.

Parlando tra noi, qualcuno con un nodo in gola, qualcun altro con le lacrime a premere dietro gli occhi, qualcun altro faticando a togliersi la maschera di sbruffone, ci siamo resi conto di essere tutti attraversati da una comune dimensione: l’essere fragili. Sia coloro che sembrano le vittime predestinate, sia chi esercita la propria forza sugli altri.

La campagna che lanciamo è un invito a voi, nostri coetanei, a essere delicati e gentili nei rapporti con gli altri, perché dentro ciascuno di noi c’è un mondo interiore fatto di emozioni ed equilibri che la violenza potrebbe facilmente spezzare. Ed è un appello a voi adulti, a prestarci più ascolto, a osservare di più il nostro modo di stare insieme, a far sentire la vostra presenza vicina e significativa al nostro fianco.
 
In queste foto ci dichiariamo fragili e non ce ne vergogniamo, perché sappiamo che ciascuno di voi lo è. Ci dichiariamo fragili perché pretendiamo di essere trattati con rispetto, sensibilità e cura e ci impegniamo a trattare gli altri nello stesso modo. Ci dichiariamo fragili. Questa è la nostra forza.
 
 
 
 

La mamma-cuoca racconta il suo Saint Jacques

  Valentina, mamma e cuoca volontaria dei campi invernali, racconta la sua esperienza a Saint Jacques.   La prima volta in cui sono andata a Sain...

Read more

CONNESSIONI, stay in touch

Dal tema del 2017 “Muri Barriere Confini” sono scaturite alcune riflessioni che hanno portato alla definizione del tema associativo del 2018. &nb...

Read more

Non chiamiamole badanti

Non chiamiamole badanti: sono assistenti familiari, o meglio “alla persona”. La loro formazione deve essere approfondita e non lasciata al fai da te...

Read more

Siamo FRAGILI: trattiamoci con cura

Sul numero di dicembre di ASINO CHI LEGGE, gli adolescenti del centro aggregativo di via Sant'Anselmo presentano la loro campagna "FRAGILI. Materiale umano: tra...

Read more

Caro Lorenzo, l'italiano è un gioco bellissimo

  Maria Pambianco insegna italiano ai minori stranieri nella sede di via Genè, all'interno di un percorso nato dal sostegno di Lorenzo Tabasso.&n...

Read more

Che cosa CI è successo: il video di giustizia riparativa

Guarda il nuovo video che racconta RICOMINCIAMO, progetto torinese di giustizia riparativa rivolto ai minorenni autori di reato e alle loro vittime, che offre...

Read more

Ricominciamo: scarica la pubblicazione di giustizia riparativa

  Scarica la pubblicazione "RICOMINCIAMO: cambiare è possibile", che racconta il progetto di giustizia riparativa attraverso le ...

Read more

Muri Barriere Confini: scarica la pubblicazione

  Vuoi conoscere il lavoro di ASAI ma ti sei perso la presentazione del 24 ottobre? Non riesci a passare dalle nostre sedi per ritirare la tua copia oma...

Read more

Porta Palazzo Lab

Fatti accompagnare dai bambini: scopri insieme a noi i laboratori artistici e didattici che, ogni sabato mattina, rendono frizzante la sede di via Genè...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

FBLogo Twitter logo 

ASAI newsletter