Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Caro Lorenzo, l'italiano è un gioco bellissimo

FOTO L2
 
Maria Pambianco insegna italiano ai minori stranieri nella sede di via Genè, all'interno di un percorso nato dal sostegno di Lorenzo Tabasso. Lorenzo, che nel 2013 insegnava L2 ai minori cinesi, attualmente vive in Cina e promuove progetti didattici a distanza.
 
Maria gli scrive una email per descrivere il clima che si respira in classe, con spunti metodologici utili a tutti i docenti di italiano per stranieri.
 
Caro Lorenzo,
come stai? Spero che il tuo soggiorno in Cina stia dando i frutti sperati.

Ti scrivo qualche aggiornamento sui corsi partendo dai numeri: in soli 4 mesi siamo arrivati a quota 32 iscritti (di cui 13 cinesi), e stiamo continuando a crescere. Numerose e preparate sono anche le insegnanti volontarie che ci affiancano: Angelica, Anna, Nicole, Ornella, Alessia, Naomi e Corinna.
I laboratori sono partiti all'insegna del gioco e dell'incontro tra le diverse culture, come raccontano le cartine mute che, via via, si sono colorate un po’ dappertutto: Cina, Marocco, Egitto, Somalia, Perù e Bangladesh. Si gioca, si scherza, ma l'attenzione e il rispetto sono alla base delle nostre interazioni e quando si fa lezione non vola una mosca. Nei primi mesi si è lavorato molto sull'identità di ogni partecipante. L'identità e la provenienza sono temi importantissimi: se metti una cartina sotto il naso dei ragazzi, non sanno dirti precisamente da dove vengono e dove si trovano ora. Ricordo il momento in cui la classe ha scoperto che l’Iran non è poi così distante dalla Cina. Da quel giorno lo sguardo di Lisi nei confronti di Shahrzad è cambiato radicalmente.

Stiamo dedicando molte attenzioni a due gemelli cinesi arrivati da poco, Jin Lian e Jia Lian. Già distinguerli è una sfida, ci mancavano solo i nomi quasi identici! La timidezza iniziale è durata poco grazie a una caccia al tesoro alla quale hanno partecipato con entusiasmo. Poi c'è Shao Jin, detto Hu, nelle cui vene scorre sangue da mediatore culturale. Alto, con gli occhiali, i capelli a spazzola e un gran senso dell'umorismo, passa più tempo alla lavagna che non al suo posto ed è una figura indispensabile per la riuscita del nostro laboratorio. Cristina invece parla pochissimo nonostante sia qui da 3 anni, ma quando ha fatto “tombola” ha esordito con un chiarissimo e italianissimo evvaiii. Quando Mohamed non capisce una parola, la cerca su google traduttore e la comunica a tutti gli arabofoni. Anzi, ti dirò di più, se è particolarmente ispirato la cerca pure in cinese!
 
fOTO L2 bis
 
Ricordi quando discutevamo sull’importanza di avviare delle classi eterogenee per provenienza? Quando ti parlavo di situazioni comunicative reali e di occasioni concrete dove spendere le competenze acquisite, avevo in mente proprio aneddoti come quelli che ti ho appena raccontato. Quello che è nato come un laboratorio di italiano si è presto trasformato in uno spazio plurilingue dove è più facile riconoscere e costruire la propria identità linguistica, perché la lingua e la cultura di origine sono valorizzate e condivise con gli altri, di pari passo con lo studio della L2. Anche noi insegnanti scopriamo cose interessantissime: quelli che noi chiamiamo “numeri arabi”, per esempio, gli egiziani non li usano affatto perché utilizzano un sistema numerico graficamente diverso. Tra le pareti dell’aula gialla i ragazzi imparano e contemporaneamente insegnano, sentendosi attori in prima persona del loro processo di apprendimento.
 
Il motto “giocando si impara” è valido anche per la didattica dell’italiano L2, specialmente nello spazio informale e variegato dell’extrascuola: le ansie vengono lasciate fuori dalla porta (a volte anche i quaderni) e si gioca, si collabora, si parla molto e si scrive poco. 
 
Credo che almeno una volta, anche solo per curiosità, tutti dovremmo provare la sensazione straniante di calarci in un contesto in cui si parla una lingua sconosciuta. Beh, tu sei emigrato in Cina e questa sensazione l’avrai sicuramente provata! Così potremmo immaginare, almeno in parte, l’immensa difficoltà che si deve affrontare all’inizio, unitamente  al fatto di essere un adolescente migrante. 

Ecco, come al solito mi sono dilungata, quando in realtà volevo solo aggiornarti brevemente sull’andamento dei laboratori. Ci tengo ancora a ringraziarti per l'opportunità che hai dato a tanti ragazzi: grazie al tuo contributo i laboratori di Italiano L2 si sostengono in maniera autonoma, senza gravare sugli operatori del doposcuola. Ti auguro "buona felicità", come dicevano le mie allieve cinesi dello scorso anno.
 
A presto per nuovi aggiornamenti.
Maria
 
P.S. Ah, la cosa più bella: in classe sta nascendo un'amicizia sino-somala. Non ho ancora capito con quale strano linguaggio stiano comunicando, ma Sisi e Idil passano il tempo vicine ad abbracciarsi e a farsi i selfie!
 
Foto L2 tre

La mamma-cuoca racconta il suo Saint Jacques

  Valentina, mamma e cuoca volontaria dei campi invernali, racconta la sua esperienza a Saint Jacques.   La prima volta in cui sono andata a Sain...

Read more

CONNESSIONI, stay in touch

Dal tema del 2017 “Muri Barriere Confini” sono scaturite alcune riflessioni che hanno portato alla definizione del tema associativo del 2018. &nb...

Read more

Non chiamiamole badanti

Non chiamiamole badanti: sono assistenti familiari, o meglio “alla persona”. La loro formazione deve essere approfondita e non lasciata al fai da te...

Read more

Siamo FRAGILI: trattiamoci con cura

Sul numero di dicembre di ASINO CHI LEGGE, gli adolescenti del centro aggregativo di via Sant'Anselmo presentano la loro campagna "FRAGILI. Materiale umano: tra...

Read more

Caro Lorenzo, l'italiano è un gioco bellissimo

  Maria Pambianco insegna italiano ai minori stranieri nella sede di via Genè, all'interno di un percorso nato dal sostegno di Lorenzo Tabasso.&n...

Read more

Che cosa CI è successo: il video di giustizia riparativa

Guarda il nuovo video che racconta RICOMINCIAMO, progetto torinese di giustizia riparativa rivolto ai minorenni autori di reato e alle loro vittime, che offre...

Read more

Ricominciamo: scarica la pubblicazione di giustizia riparativa

  Scarica la pubblicazione "RICOMINCIAMO: cambiare è possibile", che racconta il progetto di giustizia riparativa attraverso le ...

Read more

Muri Barriere Confini: scarica la pubblicazione

  Vuoi conoscere il lavoro di ASAI ma ti sei perso la presentazione del 24 ottobre? Non riesci a passare dalle nostre sedi per ritirare la tua copia oma...

Read more

Porta Palazzo Lab

Fatti accompagnare dai bambini: scopri insieme a noi i laboratori artistici e didattici che, ogni sabato mattina, rendono frizzante la sede di via Genè...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

FBLogo Twitter logo 

ASAI newsletter