Siamo FRAGILI: trattiamoci con cura

Nadia
 
"Mi chiamo Nadia, ho 16 anni e al doposcuola di ASAI aiuto i ragazzi a studiare francese.
 
Partecipo alla campagna FRAGILI: TRATTIAMOCI CON CURA perché penso sia importante che le persone si comprendano a vicenda."
 
Marta
 
"Mi chiamo Marta, ho 17 anni e frequento il Liceo Linguistico. Mi piace ballare, parlo sette lingue e ho una cagnolina di nome Frida. Partecipo a questa iniziativa perché in questo periodo sto riflettendo sul bisogno di prendermi cura di me stessa, che è una cosa importante per chi, come me, è molto sensibile nei confronti degli altri."
 
FRAGILE è una campagna di sensibilizzazione e azione che coinvolge gli adolescenti. Con la loro adesione, decine di ragazzi dichiarano la loro fragilità e indicano un'azione possibile nei confronti di coetanei e adulti. La fragilità ci accomuna e porta con sé molteplici sfumature di sensibilità, delicatezza e umanità. Essere fragili non significa essere deboli. Al contrario, dichiararsi fragili è un'azione empatica che comporta la capacità di mostrarsi nella propria interezza per accogliere al meglio l'altro. Siamo fragili: trattiamoci con cura.
 
Leggi il manifesto scritto dai ragazzi.
 
"Siamo Ahmed, Alessandro, Alessio, Gabriel, Heba, Joao, Mara, Marta, Martina, Nadia, Valentin. Siamo undici ragazzi tra i 14 e i 18 anni. Frequentiamo l'ASAI per studiare in gruppo nel doposcuola superiori e per trascorrere del tempo insieme. Ogni tanto, terminato il momento dello studio, ci troviamo a ragionare insieme a Dalila, Davide e Riccardo, operatori del Centro, su alcuni temi per noi importanti, partendo sempre dai nostri vissuti e dalle emozioni che questi ci suscitano. Recentemente abbiamo discusso di come siano le relazioni all'interno delle scuole che frequentiamo e nei nostri giri di amicizie. Dai racconti di ciascuno, abbiamo scoperto essere diffusi, tra noi ragazzi, comportamenti di aggressività, discriminazione, presa in giro e violenza di alcuni a danno di altri.
 
Questo tipo di comportamenti è comunemente denominato "bullismo". Se ne parla spesso in televisione, sui social e anche a scuola. Cos'è che ci spinge a isolare qualcuno all'interno di una classe? A prenderci in giro per le nostre caratteristiche caratteriali o fisiche fino a provocarci delle ferite profonde? Perché abbiamo inventato la categoria dello "sfigato" contro cui sfogare la nostra cattiveria? Alcuni di noi si sentono a proprio agio in mezzo alle persone, sono spigliati, sciolti, sicuri di sé. Altri fanno di tutto per mostrarsi sempre all'altezza, alla moda, simpatici, brillanti, socievoli, con la battuta pronta. Qualcuno invece non ci riesce proprio. Non ce la fa a staccarsi di dosso l'etichetta di "sfigato" e inevitabilmente diviene oggetto di parole offensive e di scherzi volgari e spesso crudeli. E si arrabbia. Oppure si chiude, si isola. Preferisce starsene in disparte, costruendo un muro esterno di invisibilità e un altro interiore per diventare sempre più inscalfibile.

Parlando tra noi, qualcuno con un nodo in gola, qualcun altro con le lacrime a premere dietro gli occhi, qualcun altro faticando a togliersi la maschera di sbruffone, ci siamo resi conto di essere tutti attraversati da una comune dimensione: l’essere fragili. Sia coloro che sembrano le vittime predestinate, sia chi esercita la propria forza sugli altri.

La campagna che lanciamo è un invito a voi, nostri coetanei, a essere delicati e gentili nei rapporti con gli altri, perché dentro ciascuno di noi c’è un mondo interiore fatto di emozioni ed equilibri che la violenza potrebbe facilmente spezzare. Ed è un appello a voi adulti, a prestarci più ascolto, a osservare di più il nostro modo di stare insieme, a far sentire la vostra presenza vicina e significativa al nostro fianco.
 
In queste foto ci dichiariamo fragili e non ce ne vergogniamo, perché sappiamo che ciascuno di voi lo è. Ci dichiariamo fragili perché pretendiamo di essere trattati con rispetto, sensibilità e cura e ci impegniamo a trattare gli altri nello stesso modo. Ci dichiariamo fragili. Questa è la nostra forza."
 
Per aderire alla campagna, scrivi una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
FRAGILE
La campagna è stata lanciata sul numero di dicembre 2017 di ASINO CHI LEGGE.
 
Clicca sulle icone per leggere l'articolo completo.
 
2017 12 AsinoChiLegge 01 BAS
 
2017 12 AsinoChiLegge 02 BAS

Animatori che allenano lo sguardo

Sguardi che ridono, sguardi curiosi, sguardi che cercano, sguardi determinati, sguardi che si incontrano alla due giorni di Cesana del 7 e 8 aprile 2018, dedica...

Read more

Tante lingue, tante culture, una città

  Erika si diverte a cadere in modo goffo durante le ore di educazione fisica.A Salwa piace cantare My heart will go on di Celine Dion sotto la doccia.V...

Read more

News dal doposcuola medie di San Salvario

È da un po’ che non diamo informazioni sulle nostre attività con i ragazzi di San Salvario che frequentano il doposcuola medie. Rimediamo ...

Read more

Teatro per l'inclusione nel progetto ROM SINTI CAMINANTI

Cosa fanno tutti i mercoledì bambini della 4b della scuola Ambrosini di Falchera? Un laboratorio teatrale condotto da Debora Benincasa, volontaria...

Read more

Regala un'Estate Ragazzi a chi non può

  Anche quest'anno ci piacerebbe garantire la quota settimanale dell'Estate Ragazzi per diverse famiglie di Porta Palazzo che non riescono a coprir...

Read more

In vacanza con la Lotteria 2018

Pronti per la nuova LOTTERIA ASAI? Il primo premio è un buono vacanza di 500 euro per andare dove vuoi tu. In palio ci sono anche un buono per una b...

Read more

Grazie a te, 5x1000 percorsi in ASAI

Anche quest'anno con il tuo 5x1000 regali centinaia di percorsi educativi, aggregativi e artistici a tanti bambini, ragazzi e giovani.     &...

Read more

Siamo FRAGILI: trattiamoci con cura

  "Mi chiamo Nadia, ho 16 anni e al doposcuola di ASAI aiuto i ragazzi a studiare francese.   Partecipo alla campagna FRAGILI: TRATTIAMOCI CON CU...

Read more

Che cosa CI è successo: il video di giustizia riparativa

Guarda il nuovo video che racconta RICOMINCIAMO, progetto torinese di giustizia riparativa rivolto ai minorenni autori di reato e alle loro vittime, che offre...

Read more

Per noi ASAI è... E per te?

Eccolo! Un materiale multimediale che racconta ASAI e le sue principali attività, tramite le voci di alcuni dei suoi protagonisti. C'è un ...

Read more

 

FBLogo Twitter logo 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie